Perché l'allattamento al seno dovrebbe essere inserito nel tuo piano del parto

Man mano che la gravidanza avanza e inizi a prepararti per il parto, potresti decidere di scrivere un piano del parto. Inoltre, se desideri allattare al seno il tuo bambino, inseriscilo nella tua lista del piano del parto

Why breastfeeding should be in your birth plan

Somministrare per la prima volta il latte materno al tuo bambino entro le prime due ore dalla nascita ti offre buone possibilità di dare il via all'allattamento al seno, oltre a consentire al neonato di fruire di tutti i benefici del colostro (il primo latte che produci) il più presto possibile. Un modo per far sì che questo accada è inserire l'allattamento al seno nel tuo piano del parto.

Cos'è un piano del parto?

Immagina il piano del parto come un elenco di possibili opzioni che hai scelto per il travaglio, il parto e i momenti immediatamente successivi. Potrebbe contenere le tue preferenze rispetto all'alleviamento del dolore e alla posizione per partorire, a come comportarsi nel caso di taglio cesareo, a cosa fare in caso di complicazioni e, chiaramente, la tua scelta di allattare al seno.

Idealmente dovresti redigere il piano di parto ben prima della data prevista per il parto, in modo da avere la possibilità di mostrarlo al tuo partner per la nascita e ai professionisti sanitari che si prenderanno cura di te.

Puoi scriverlo come vuoi, ma probabilmente è più facile iniziare con un semplice elenco che puoi ampliare dopo esserti documentata. La struttura che hai scelto per la nascita può disporre di alcuni campioni o modelli che puoi utilizzare; altrimenti, puoi dare un'occhiata agli esempi di piano del parto che si trovano online.

Perché è importante?

Il piano del parto garantisce chiarezza. Sarà un buon punto di partenza per le tue conversazioni e per instaurare un rapporto di fiducia tra te, il tuo partner per la nascita e i professionisti sanitari. Questo aspetto è particolarmente importante durante il travaglio, nel corso del quale potresti aver altro a cui pensare! Inoltre, se in ospedale si verifica un cambio di turno durante il travaglio, può essere utile che una copia del tuo piano del parto con la tua anamnesi e i tuoi desideri sia a disposizione del nuovo personale.

Preparazione all'allattamento

Se desideri allattare il tuo bambino, discuti i tuoi piani con il tuo partner per la nascita e con i professionisti sanitari durante la gravidanza. La tua ostetrica riporterà chiaramente le tue intenzioni nella cartella clinica e ti suggerirà una serie di contatti locali utili di supporto all'allattamento al seno.

Scrivere un piano del parto ti offre anche una buona opportunità di discutere i tuoi desideri relativi all'allattamento con il tuo partner, se non l'hai già fatto. Spiega al tuo partner che vorresti ti appoggiasse nella scelta di allattare il tuo bambino, aiutandolo a ricevere il latte materno anche se il parto non andasse secondo i piani o in caso non potessi allattarlo subito dopo la nascita. Chiedi al tuo partner di tenere il tuo neonato pelle a pelle nel caso tu non possa farlo, in quanto il contatto aiuterà il bambino a sentirsi tranquillo e al sicuro.1

Scrivere il piano del parto: cosa includere

 Quando arrivi alla sezione del piano del parto dedicata all'allattamento al seno, inizia semplicemente dichiarando la tua intenzione di allattare esclusivamente al seno. Spiega che desideri che i professionisti sanitari facciano tutto il possibile per aiutarti ad allattare il tuo neonato o per somministrargli il tuo latte materno estratto nel caso non sia possibile allattarlo al seno, in modo che tu possa comunque avviare la produzione di latte.

Ecco alcuni esempi di dichiarazioni che puoi inserire nel piano del parto per chiarire i tuoi desideri relativi all'allattamento al seno e offrire a te e al tuo bambino la possibilità di iniziare al meglio il percorso di allattamento.

  • Vorrei tenere il mio bambino pelle a pelle subito dopo la nascita, prima che venga pesato o lavato, a condizione che non siano presenti problemi medici.
  • Se non mi è possibile tenere in braccio il mio bambino sin da subito, vorrei che avesse un contatto pelle a pelle con il mio partner.
  • Vorrei ricevere aiuto per allattare al seno la prima volta il mio bambino entro la prima ora dalla nascita, se possibile.
  • Vorrei che il mio bambino fosse incoraggiato ad attaccarsi al seno o che ricevesse un delicato supporto nell'attaccamento.
  • Se il mio bambino non sta bene o dobbiamo essere separati, mi piacerebbe ricevere aiuto per estrarre il colostro somministrandoglielo da una siringa o una tazza.
  • Se il mio bambino non è in grado di alimentarsi al seno per qualsiasi motivo o non si alimenta in modo adeguato nelle prime ore dalla nascita, mi piacerebbe ricevere aiuto nell'estrazione doppia entro le prime tre ore e nel somministrargli il mio latte estratto.
  • Se devo continuare a estrarre, vorrei riuscire a effettuare otto sedute nelle 24 ore per avviare la mia produzione di latte.
  • Non somministrare il latte artificiale senza il mio consenso o quello del mio partner, e solamente se necessario dal punto di vista medico.
  • Non allattare il mio bambino da una tettarella per bottiglia né offrirgli un ciuccio senza il mio consenso o quello del mio partner per la nascita.
  • Vorrei ricevere supporto per l'allattamento al seno da un consulente per l'allattamento o da uno specialista dell'allattamento qualificato, se disponibile.

Cosa succede se il parto non va secondo i piani?

Anche con il più dettagliato dei piani è impossibile prevedere cosa accadrà durante il parto del tuo bambino. Per questo è importante che tu sia pronta a possibili variazioni.

Ricorda che alcuni farmaci somministrati o interventi effettuati durante il travaglio e il parto potrebbero influire sulla capacità del tuo bambino di alimentarsi al seno nella fase iniziale. È una buona idea parlare con un professionista sanitario degli effetti dei diversi tipi di soluzioni impiegate per alleviare il dolore e di parto assistito su di te e il tuo bambino, nonché l'impatto che potrebbero avere sull'allattamento al seno, in modo che tu o il tuo partner per la nascita possiate prendere decisioni consapevoli.

Tuttavia, se durante la prima ora tu e il tuo neonato avete difficoltà con l'allattamento al seno non scoraggiarti. Sono molti le mamme e i bambini che riescono ad avviare e a proseguire l'allattamento al seno anche se non iniziano nel migliore dei modi. Ottieni il massimo supporto possibile dai professionisti sanitari che ti assistono e contatta rapidamente un consulente per l'allattamento o uno specialista dell'allattamento al seno se hai bisogno di aiuto per riportare l'allattamento al seno sulla giusta via.

Bibliografia
Prodotti correlati